Achille Bonito Oliva one of the most important world art critics appreciate his artistic value.
La Repubblica, an the most important Italian newspaper, comments: ’One of the most promising Graffiti artist in Italy and abroad’.

 "The artistic activity of Jorit is unique because he carries out graffiti and paintings on canvas at a very high technical level.
He declares that his aim is to portray as close as possible to reality. This is possible only after a very thorough analysis and, subsequently, scrupulous reproduction with all kind of painting techniques.Together with this high technical level, Jorit sends an ethical message, has accompanied him since he started to paint. He considers the human face the most characterising part of humanity, almost like a totem to venerate. That is why he has concentrated on painting human faces with all their peculiarities."
S.Mele

 Biography :
Jorit,his birth name, Agoch his art-name, was born in Italy-Naples, from an Italian father and a Dutch mother.
He started to paint at the age of thirteen with a spraycan in his native city Quarto, north of Naples.
In the beginning this activity was an expression to mark the places he attended with his friends. He continued to ‘sign’ together with his friends, also because for the most people do not complain. When he starts to see the ‘marks and signs’ of other groups-crews, he understands that there is a whole world behind these signs, marks and graffiti on the city walls. ‘Writing’ on the city walls is a way to escape from a world which is oppressive and not stimulating; this world is in contrast with his family environment, which is permissive and stimulating, notwithstanding the separation of his parents.
 The discovery of the graffiti-world and his components, adult and adolescents, made Jorit aware he could be part of something very big, of something which started in many other cities, in every part of the world by other people different but also similar to him.
 In this period, conscious of reality, Jorit started to paint with more dedication and sacrifice; he marked his graffiti on walls and trains with his nickname, all around his native city and Naples, and very soon in the whole of Italy.
Often he takes physical risks and he has to escape from police because graffiti on walls and trains is not allowed, but for him and his crew their graffiti is legal art-expression. His sense of belonging to this culture is very strong and soon an artistic talent in his graffiti was noticed.
 This first period, in his adolescence age, energetic and sometimes violent, focuses him on creative art, like painting and drawing. After scientific school, he decided to go to the Art Academy of Naples and not to the University of Architecture, like his parents suggested. He successfully finished his study of art at the Art Accademy-Accademie delle Belle Arti-with mention. Here he learned how to use acrylic and oil on canvas and he started to carry out paintings on canvas as well as continuing to paint around cities.
His graffiti-style slowly has been changing and maturing: he pays more attention to the human face and he becomes more meticulous and realistic. His paintings gave him the possibility to earn some money, which he used to travel and discover the rest of the world and escape from the Neapolitan lifestyle. He visited many European cities and made graffiti everywhere, sometimes risking a lot.
 In 2005 he went to sub-Saharan Africa for the first time and the African culture impressed him a lot. He returned to the continent for another 7 times during several months. In Tanzania he studied and collaborated with the International School of Painting Tinga Tinga at Dar es Salaam.The extremely creative and technical artistic talent of these African painters stimulated him to refine his technique and increase the eye for enhanced meticulous details.
In June 2010 he exhibited 25 paintings inspired by his African experience for charity. All paintings were sold and all proceeds were used to build a maternity ward in a small village near Dar es Salaam, visited by Jorit before and after the construction. The event was mentioned on public Italian television, RAI. It is easy to understand that Jorit is fascinated by non-occidental cultures and he has a strong sense of respect and brotherhood for all different cultures.
Jorit is now focused exclusively on the human face and in particular to portray the human face in the most realistic mode possible.
 He has started to mark his portraits with two red lines or scars on the cheek that refer to ancient African rituals,like scarification.
This ritual indicates the passing from childhood to adult age. He is firmly convinced that all the differences of race, gender, religion and social class do not mean anything with respect to the characteristics that are similar in all human beings, especially ‘being a human being’.
He continues to paint all around the world on city walls and marks his graffiti-portraits with the two red signs making them, in this way, part of his tribe ‘Human Tribe’. His awareness of the social, cultural and ethnic variety all over the world is still growing as he continues travelling in Africa, Cuba, Australia and some Arabic countries and studying during these stays.
His art is getting famous also outside the graffiti-world.
In October 2011 he exhibited some of his paintings in the Mann Museum (Naples) and in 2013 in the Magma Museum (Roccamonfina).
He collaborates with various galleries and exhibited abroad (e.g. Sydney, London, Amsterdam and Tilburg ).
He has made portraits of many famous rap and hip hop singers, which are all marked with the characteristic two red signs and he is engaged in some commercial collaborations, with Poltrona Frau and Converse.
At the start of 2013 Jorit stayed for some months in New York, the city where graffiti all began. Here he worked on two very large graffiti paintings. His portraits are not just casual depictions, but they always express a message, they want to attract attention to the part of human tribe that is less lucky, which live in socially difficult situations. In Brooklyn he painted an Afro-american person; recent events in the USA have highlighted the difficult racial relationships. In New York Jorit experienced that his passion is getting something real and this has given him a bigger awareness of his art. This new confidence will keep inspiring him.
In May 2014 Jorit exhibited his paintings in ‘PAN’, Palace of Arts of Naples in Naples and in autumn of 2014 with ‘Con il Sud’ in via del Corso in Rome as well as in the Macro Museum in Rome.
He collaborates with INWARD and with national and international, private and public, projects of street art to provide new qualities to the cities.









Achille Bonito Oliva tra i più importanti critici d'arte al mondo ha apprezzato il suo  operato artistico.
La repubblica scrive di lui“ tra i più promettenti Graffiti Artist della Scena Italiana ed estera”

“L’attività artistica di Jorit fa di lui un artista unico in quanto realizza graffiti e opere su tela ad un livello tecnico molto elevato, l’intento dichiarato è quello di avvicinarsi ad una rappresentazione quanto più fedele della realtà che secondo il nostro Jorit viene compresa nelle sue viscere soltanto dopo un attenta osservazione e scrupolosa riproduzione tramite gli strumenti pittorici.
A questa elevata capacità tecnica Jorit affianca un messaggio etico molto forte che lo ha accompagnato si dall’ inizio del suo percorso artistico e che lo ha portato a concentrarsi esclusivamente sulla raffigurazione del volto umano che considera l’elemento più caratterizzante della nostra umanità quasi un totem da venerare.” S.Mele


Biografia

Jorit nome di battesimo, Agoch pseudonimo è nato a Napoli,da padre Italiano e madre Olandese
Ha iniziato a dipingere a tredici anni con lo spray sui muri della sua città natale Quarto, nella periferia nord di Napoli.
Quest’attività nella sua fase iniziale era legata alla volontà di marchiare i luoghi che frequentava in compagnia della sua cerchia di amici.
L’abitudine non osteggiata dagli stanchi e spesso distratti abitanti di questa cittadina residenziale è continuata e ha preso sempre più vigore quando la “crew” di ragazzini si imbatte in firme e dipinti di altri “writer” testimonianza di un mondo pressoché sconosciuto.
L’attività di scrivere sul muro è motivata perlopiù dalla volontà di evadere da una realtà chiusa e priva di stimoli in forte contrasto con una formazione familiare libertaria e culturalmente stimolante anche se frammentata dovuta alla precoce separazione dei genitori.
In questo contesto la scoperta del mondo dei graffiti e la frequentazione con graffitari adulti creano in Jorit la consapevolezza di  appartenere a un movimento molto più grande di lui ,che è nato in di città lontane anche se per mano di ragazzi in condizioni non molto dissimili dalle sue.

Jorit ora consapevole inizia a dipingere con dedizione e sacrificio marchia con il suo pseudonimo i muri e i treni della sua città e ben presto di molte altre città Italiane, rischia più volte la propria incolumità fisica e sfugge alle forze dell’ordine;la sua attività è illegale ma a suo avviso legittima.
Il senso di appartenenza a questa cultura è forte e ben presto s’incomincia ad intravedere sotto i suoi “atti di ribellione” un notevole talento artistico.
Questa prima fase legata all’età adolescenziale molto energica e a tratti violenta gli permette di canalizzare l’attenzione su attività creative come il disegno e dopo studi scientifici decide di non iscriversi alla facoltà di architettura consigliata dalla famiglia ma di frequentare L’Accademia Di Belle Arti di Napoli dove si laurea con 110 e lode.
Qui apprende le tecniche dell’acrilico e dell’olio che usa nei dipinti su tela che realizza in contemporanea alle opere in strada.
I graffiti dell’ età adolescenziale maturano,l’attenzione di Jorit si sposta sulla rappresentazione dei volti umani,sin dall’ inizio presenti nelle sue opere,che studia con attenzione e realizza con sempre maggiore meticolosità.

I graffiti gli danno la possibilità di guadagnare con commissioni per attività commerciali,i soldi raccolti li usa per esplorare il mondo e saziare la sempre maggiore volontà di evasione dalla realtà Napoletana.
Esplora le capitali europee accessibili tramite i voli low cost e realizza in loco graffiti anche in contesti di forte rischio.
Nel 2005 compie il suo primo viaggio in Africa continente che lo colpisce profondamente e che visiterà per sette volte alcune con permanenze molto lunghe.
In Tanzania studia e poi collabora con la scuola internazionale d’arte Tinga Tinga di Dar es Salaam, il contatto con questi artisti dal grande talento tecnico e creativo lo spingono ad affinare le sue capacità pittoriche in particolare nella cura dei particolari.

Nel Giugno  2010 espone venticinque dipinti ispirati al continente Africano mosso dalla volontà di raccogliere fondi per costruire il reparto di maternità di un piccolo villaggio,che ha visitato,vicino Dar es Salam.
La mostra è un successo sono venduti tutti i venticinque dipinti, l’evento vedrà l’interessamento della Rai;il reparto viene costruito come sperato.
Già da questi gesti si intuisce come tramite la sua arte Jorit voglia trasmettere un messaggio di fratellanza e di rispetto verso le culture non occidentali che lo affascinano sempre di più.
Da questo momento in poi l’attenzione di Jorit si concentra esclusivamente sulla raffigurazione realistica del volto umano che inizia a marchiare con due “strisce” rosse sulle guance,che rimandano a rituali magici/curativi Africani in particolare alla procedura della scarnificazione Rito iniziatico del passaggio dall’infanzia all’età adulta legato al momento simbolico dell’entrata dell’individuo nella tribù.
Si  fa in lui forte l’idea secondo cui le differenze di razza di sesso, religione e classe sociale sono infinitamente meno significative rispetto alle caratteriste che accomunano gli esseri umani accomunati da una comunione viscerale intrinseca nelle persone solo per il fatto di essere tali.
Raffigura sui muri nelle città che visita per il mondo persone del posto, e le marchia,tramite il “rito pittorico” facendole entrare a suo dire nella “Human Tribe”.
Dalle già citate esperienze nell’Africa Subsahariana ai viaggi in Australia  a Cuba e in alcuni paesi Arabi Jorit matura una consapevolezza del mondo molto forte che si completa con studi e ricerche.
La sua arte intanto inizia ad essere riconosciuta al di fuori del mondo dei graffiti e nell’ottobre 2011 Jorit espone le sue opere all’interno del museo MANN di Napoli e nel 2013 espone nel museo MAGMA di Roccamonfina.
Collabora con diverse gallerie e realizza esposizioni internazionali.
Realizza i ritratti di dj e cantanti di fama marchiati con il suo simbolo, dipinti con maniacale cura e riceve i primi grandi incarichi commerciali;collabora con Poltrone Frau e Converse.
Nel 2013 Jorit visita New York la città che ha visto nascere la cultura di cui oramai e irrimediabilmente impregnato e qui realizza due grandi Graffiti.
Le raffigurazioni sono un punto di arrivo e di partenza nella sua vita poiché le persone raffigurate su un muro a Brooklyn sono di origine Afroamericana e facente parte di una realtà di disagio non dissimile da quella vista in paesi poveri lontanissimi dalla realtà
Statunitense.
Qui  Jorit vede la sua idea fino ad allora poco definita concretizzarsi in un spazio fisico e nella sua mente sotto forma i accresciuta consapevolezza,è  da questa consapevolezza che nascono tutti i dipinti a venire.
Rientrato dopo tre mesi si permanenza a NY nel maggio del 2014 Jorit espone al PAN palazzo delle arti di Napoli, in una personale alla fondazione Con Il Sud in via del Corso a Roma e poco dopo in
una collettiva al museo MACRO.
Attualmente collabora con INWARD e partecipa a progetti di Street Art di caratura internazionale,collaborato con istituzioni pubbliche e private.